Chi è Maitreya?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Maitreya è il Buddha del futuro e simboleggia l’amore universale. Una delle sue caratteristiche è di star seduto al modo “occidentale”, differenziandosi da tutti gli altri Buddha, che siedono nella posizione del loto. Con l’idea di sostenere la diffusione del buddhismo in Italia e il dialogo con la cultura occidentale, nel 1985 è stata istituita a Roma, con sede in via della Balduina 73, la Fondazione Maitreya, Istituto di cultura interbuddhista. La Fondazione — che ha conseguito personalità giuridica nel 1991 con il riconoscimento per decreto del Ministero dei Beni Culturali — opera in Italia coordinando attività educative, convegni, seminari e attività editoriali in campo buddhista. La Fondazione è membro costituente dell’Unione Buddhista Italiana, U.B.I. e, dal 1997, dell’Unione Buddhista Europea, E.B.U., con le quali collabora per attività in campo culturale.

I liberi corsi urbani di meditazione vipassanā hanno avuto inizio nel 2007, per dare un’opportunità di pratica a chi vive nel contesto metropolitano milanese, sfruttando il tempo libero a disposizione delle persone normali, che vivono e lavorano in città, cioè le ore serali e i fine-settimana. Nascono dalla pervicace idea di Flavio Pelliconi di facilitare l’aggregazione di una comunità di pratica non settaria, anzi unitaria e universalista, nello stesso tempo, cioè, laica e religiosa. L’esperienza ha confermato l’intuizione: le persone possono trovare accoglienza e un sostegno di tipo ecclesiale senza il collante di una credenza metafisica, ma condividendo una prassi di vita che si coniuga in etica, concentrazione e saggezza introspettiva. Da noi non ci si ritrova per «rafforzarsi nella fede», ma per incoraggiarsi reciprocamente a perseverare in un impegno che richiede una rinnovata, quotidiana adesione a una prassi. In fondo la parola «chiesa» deriva dal greco ἐκκλησία che significa assemblea, adunanza laica.

 

Un commento

  1. Buongiorno, da qualche anno cerco di praticare meditazione (soprattutto mindfulness tutti i giorni). In questo momento sto attraversando un periodo molto stressante e faccio davvero fatica a stare dietro la pratica, proprio ora ch ene avrei più bisogno. Inoltre mi piacerebbe molto approfondire il pensiero Buddhista da cui, correggetemi se sbaglio, penso che la mindfulness abbia attinto per i suoi insegnamente. Volevo sapere se era possibile partecipare a distanza a delle sessioni di meditazione e quale fosse il costo.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti